Tutti i genitori ci sono passati, e tutti i genitori possono relazionarsi con quella che è certamente una delle esperienze che ci cambiano la vita - quella di diventare un nuovo genitore. Ecco i migliori consigli per le neo mamme

Fu l’Italia unita ad introdurre le sanzioni penali per gli evasori

di BEATRICE ROGGIA

Nel 1861, successivamente alla proclamazione del Regno d’Italia, lo Stato aveva un deficit di due miliardi e mezzo di lire, dovuto ai disavanzi degli ex Stati preunitari ed alle spese sostenute per le guerre d’indipendenza.

Il Governo effettuò una serie di interventi legislativi sia in ambito impositivo, che in ambito sanzionatorio, finalizzati ad incrementare il gettito erariale e ad estendere le imposte, le tasse e le tariffe dell’ex Regno di Sardegna ai territori degli ex Regni, con l’eccezione di alcuni territori dell’ex Stato della Chiesa e del Regno delle due Sicilie.

I tributi introdotti presentavano un’onerosità molto più elevata rispetto a quelli preunitari, determinando un rilevante aumento della pressione fiscale. Ciò determinava il diffondersi di un fenomeno, la cui misura non è accertata da fonti storiche, ma di cui il governo già percepiva l’importanza in un un’ottica di rilevante lesione degli interessi dello Stato: l’evasione fiscale.

La voce più rilevante delle entrate era costituita dai tributi doganali e fu proprio in questo ambito, che lo Stato effettuò il primo tentativo di fusione delle diverse disposizioni repressive preunitarie e di regolamentazione unitaria.

Il 21 ottobre 1861, a pochi mesi dalla proclamazione del Regno, fu emanato il “Regolamento doganale”, a cui fece seguito il d. lgs. 28 giugno 1866, n. 3020, con titolo “Del reato di contrabbando e delle pene cui saranno puniti coloro che lo commettono”. Benché la regolazione sanzionatoria in materia di imposte indirette non presentasse particolari resistenze, al contrario, quella in materia di imposte diretta presentava posizioni discordanti ed, in particolar modo, un’elevata resistenza all’introduzione di fattispecie penali.

La prima regolamentazione in materia di imposte dirette fu la legge 23 giugno 1873, n. 844, che restò sostanzialmente non applicata e considerata come un raro caso di desuetudine nella legislazione penale. Soltanto successivamente, la legge 9 dicembre 1928, n. 2834, “Penalità in materia di imposte dirette”, introdusse un complesso di sanzioni penali, che effettuavano la tutela nel momento della riscossione.

Il legislatore riteneva più rilevante la riscossione rispetto l’accertamento. Difatti, a titolo di esempio, si possono considerare l’art. 2, relativo all’omessa dichiarazione dei redditi, e l’art. 4, relativo agli atti finalizzati alla sottrazione di redditi dall’imposizione, che erano sanzionati con una sovraimposta proporzionale all’imposta evasa ed una sanzione pecuniaria per le fattispecie più rilevanti. Entrambe sono misure di natura civilistica.

Al contrario, la sottrazione fraudolenta al pagamento della somma accertata e dovuta a titolo di imposta, regolata dall’art. 6, comma 6, era punita con la detenzione e, se la fattispecie era posta in essere da un professionista, era presente una sanzione accessoria relativa alla sospensione dall’albo. In questo caso era comminata una sanzione di natura penale.

Le sanzioni previste dalla legge n. 2834/1928 erano nel complesso poco significative e consideravano l’evasione come un fenomeno limitato, che non poteva essere considerato al pari della sottrazione di ricchezza individuale collegata ai delitti contro il patrimonio. La legge introdusse le sanzioni penali in ambito tributario per la prima volta in Italia, ma era ancora lontana dal sistema sanzionatorio vero e proprio presentato dalla legge 7 gennaio 1929, n. 4.

The post Fu l’Italia unita ad introdurre le sanzioni penali per gli evasori appeared first on Miglioverde.

___________

“Fu l’Italia unita ad introdurre le sanzioni penali per gli evasori” è stato scritto da Leonardo e pubblicato su Miglioverde.

Putin riconosce le province secessioniste ucraine. Ecco le reazioni

di REDAZIONE

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato i decreti con cui riconosce “l’indipendenza” delle regioni ucraine di Zaporizhzhia e Kherson. Lo riporta la Tass. Mosca aveva già riconosciuto come indipendenti da Kiev le altre due regioni ucraine, Donetsk e Lugansk, alla vigilia dell’invasione dell’Ucraina a febbraio. Con una cerimonia al Cremlino, Putin firmerà domani l’annessione unilaterale delle quattro regioni dopo i referendum farsa imposti dalla Russia, ritenuti illegali dalla comunità internazionale.

Il presidente russo Putin, che ha avuto un colloquio telefonico con il suo omologo turco, Erdogan, ha precisato che la mobilitazione militare in Russia rimane “parziale” e riguarda solo i riservisti che hanno già esperienza militare. Pertanto, se ci sono stati casi di “mobilitazione illegale” le persone che sono state chiamate alle armi per errore devono essere immediatamente lasciate tornare alla vita civile.

UE NON ACCETTA LE ANNESSIONI
“Domani alle 15.00 (le 14 in Italia) nel Gran Palazzo del Cremlino, nella Sala di San Giorgio, si terrà una cerimonia per firmare gli accordi sull’ingresso di tutti e 4 i nuovi territori ucraini in cui si è tenuto il referendum nella Federazione Russa. In questo evento ci sarà un corposo discorso del presidente Putin”, ha detto Peskov. L’Ue ribadisce che non accetterà mai l’annessione. Draghi ha avuto oggi una nuova conversazione telefonica con Zelensky. Il premier italiano ha detto di considerare illegali i referendum indetti dalla Federazione Russa e che non farà mancare il sostegno del nostro governo all’Ucraina.

“Gli Stati Uniti non riconosceranno mai, mai e mai le rivendicazioni della Russia sui territori sovrani dell’Ucraina”, ha detto il presidente Usa Joe Biden nel summit a Washington con i leader delle isole del Pacifico.

LE NUOVE SANZIONI UE – “Gli elementi emersi sul prossimo pacchetto di sanzioni dell’Ue alla Russia non corrispondono alla portata dell’escalation di Putin e alla minaccia che rappresenta per l’Europa e il mondo intero. Incoraggiamo l’Ue a colpire Putin più duramente per fermarlo. Questo è un momento cruciale”. Lo scrive il ministro degli Esteri, Dmytro Kuleba, su Twitter in merito all’ottavo pacchetto di sanzioni proposto dalla Commissione Ue.

“Se il nuovo pacchetto di sanzioni” contro Mosca proposto dall’Ue “include misure restrittive sull’energia, l’Ungheria non lo sosterrà”, afferma invece il ministro della presidenza del Consiglio dei Ministri ungherese, Gergely Gulyas, in conferenza stampa.

FINLANDIA CHIUDE I CONFINI
La Finlandia ha deciso di chiudere i confini ai ‘turisti’ russi a partire dalla notte tra giovedì e venerdì. Lo afferma il quotidiano finlandese Helsingin Sanomat che annuncia per oggi una conferenza stampa del governo per spiegare le nuove regole per l’ingresso dei russi alla frontiera con l’obiettivo, scrive il quotidiano, “di diminuire l’arrivo dei russi in Finlandia fino alla metà del livello attuale”. Il governo finlandese ha confermato la chiusura della frontiera orientale a partire da mezzanotte. Da allora i cittadini russi potranno entrare in Finlandia solo per alcuni motivi particolari, e dimostrati, come visite ai parenti, per lavoro o per ricevere cure mediche. Il ministro degli interni finlandese Krista Mikkonen ha affermato che “tutte le richieste di ingresso verranno considerate individualmente” aggiungendo che chi vuole “può far richiesta d’asilo oppure cercare di attraversare il confine illegalmente. Ma siamo preparati”, ha detto il ministro all’emittente pubblica Yle.

BOMBARDAMENTI SUL CAMPO
Un raid russo con bombe a grappolo ha colpito una fermata dell’autobus a Mykolaiv, nel sud dell’Ucraina, provocando almeno due morti e 12 feriti. Lo ha riferito su Telegram la presidente del Consiglio regionale di Mykolaiv, Hanna Zamazeyeva.Missili russi hanno colpito nella notte un’area residenziale della città orientale di Dnipro: tre civili, tra cui un bambino, sono stati uccisi, cinque i feriti. Lo ha reso noto il capo dell’amministrazione militare regionale di Dnipropetrovsk Valenyn Reznichenko, citato da Ukrinform. “I russi hanno colpito Dnipro con missili nella notte, prendendo di mira aree residenziali. Al momento sono stati segnalati tre civili uccisi, tra cui un bambino. In cinque sono stati feriti, tra cui una ragazza di 12 anni”, ha scritto Reznichenko. “I soccorritori stanno rimuovendo le macerie dove potrebbero esserci altre persone”.

KIEV: ‘MOSCA HA GIÀ MOBILITATO OLTRE 100 MILA COSCRITTI’
“In Russia, dopo l’annuncio della mobilitazione parziale, continua attivamente la coscrizione da parte dei responsabili del servizio militare. Attualmente sono già state convocate più di 100 mila delle 300 mila persone annunciate. Riteniamo che la cifra di 300 mila non è quella definitiva. È molto probabile che il numero dei mobilitati sarà notevolmente superiore”. Lo ha detto il vice capo della direzione dello Stato maggiore ucraino, Alexei Gromov, citato dall’Ukrainska Pravda, affermando inoltre che la mobilitazione sarebbe iniziata prima dell’annuncio del 21 settembre, secondo quanto rivelato da alcuni prigionieri di guerra.

“Decine” di profughi che fuggivano dalla regione di Kharkiv sono stati uccisi nel bombardamento del loro convoglio da parte di forze ucraine, secondo quanto afferma Rodion MIroshnik, capo dell’ufficio di rappresentanza della autoproclamata Repubblica di Lugansk. Lo riferisce l’agenzia russa Ria Novosti. Ci sono anche 18 lanciarazzi Himars con relative munizioni nel nuovo pacchetto di aiuti militari Usa da 1,1 miliardi di dollari a Kiev. Lo ha riferito il Pentagono, spiegando però che gli Himars fanno parte di necessità difensive a lungo termine e saranno consegnati tra alcuni anni. Washington infatti li acquisterà dai produttori, non li preleverà dai propri arsenali, come ha fatto finora. (Fonte: Ansa)

The post Putin riconosce le province secessioniste ucraine. Ecco le reazioni appeared first on Miglioverde.

___________

“Putin riconosce le province secessioniste ucraine. Ecco le reazioni” è stato scritto da Leonardo e pubblicato su Miglioverde.

Nordstream, gli Stati Uniti sono sul piede di guerra?

di KAREN KWIATKOWSKI Michael Snyder riassume bene la demolizione dei gasdotti Nord Stream 1 e 2, con collegamenti a supporto di ciò che sappiamo finora. Gli Stati Uniti lo hanno fatto? La distruzione intenzionale della proprietà e della logistica di un altro paese, condotta in acque internazionali a 300 piedi sotto la superficie dell’oceano, è certamente un atto…

Questo contenuto è disponibile solo per gli utenti registrati. Visita il sito per maggiori informazioni.

The post Nordstream, gli Stati Uniti sono sul piede di guerra? appeared first on Miglioverde.

___________

“Nordstream, gli Stati Uniti sono sul piede di guerra?” è stato scritto da Leonardo e pubblicato su Miglioverde.

La settimana phastidiosa – 1 ottobre 2022

Attendendo il governo Meloni; rifondazione Dem tra scioglimento e scissioni; laticlavi e pesci rossi che non lo erano; il primo crack di “Dis Trusst”, attendendo quello globale; le università “tristi e liberali”; e molto altro

Leggi tutto

Il post La settimana phastidiosa – 1 ottobre 2022 è stato pubblicato in originale su Phastidio.net
___________

“La settimana phastidiosa – 1 ottobre 2022” è stato scritto da Mario Seminerio e pubblicato su Phastidio.net.

Sondaggio Euromedia Research (29 settembre 2022)

Sondaggio Euromedia Research (29 settembre 2022)

Durante la puntata di Porta a Porta (Rai 1) del 29 settembre 2022 sono state pubblicate le nuove intenzioni di voto di Euromedia Research.

Le intenzioni di voto

Sondaggio Euromedia Research (29 settembre 2022)
Sondaggio Euromedia Research (29 settembre 2022)

La serie storica

Di seguito, proponiamo i grafici con la serie storica delle intenzioni di voto pubblicate da Euromedia Research nell’ultimo anno.

Per consultare l’elenco dei sondaggi Euromedia ripubblicati su Scenaripolitici.com potete andare nella sezione “Gli altri istituti”, oppure cliccare qui.

___________

“Sondaggio Euromedia Research (29 settembre 2022)” è stato scritto da Watcher e pubblicato su Scenaripolitici.com.

Uragano in Florida, la foto virale dei fenicotteri che si nascondono in bagno

Come nel 1992 presso lo zoo di Miami con Andrew, l’uragano Ian imperversa in Florida e c’è la foto virale dei fenicotteri che si nascondono in bagno

Leggi tutto Uragano in Florida, la foto virale dei fenicotteri che si nascondono in bagno su Notizie.it.

___________

“Uragano in Florida, la foto virale dei fenicotteri che si nascondono in bagno” è stato scritto da Giampiero Casoni e pubblicato su Notizie.it.

Francesco, il fratello di Emma Marrone ha giurato come vigile del fuoco

L’orgoglio grande della sorella e di mamma Maria nel nome del compianto Rosario: Francesco, il fratello di Emma Marrone ha giurato come vigile del fuoco

Leggi tutto Francesco, il fratello di Emma Marrone ha giurato come vigile del fuoco su Notizie.it.

___________

“Francesco, il fratello di Emma Marrone ha giurato come vigile del fuoco” è stato scritto da Giampiero Casoni e pubblicato su Notizie.it.

Naryshkin: «E’ ovvio chi è il principale beneficiario degli attacchi al Nord Stream»

Lo scorso 26 di settembre sono stati registrati improvvisi cali di pressione in una delle diramazioni del gasdotto Nord Stream 2, completato ma mai entrato in funzione, e poi in due sezioni del Nord Stream 1. Mentre due giorni dopo sono state segnalate in totale quattro perdite di gas. 

A seguito degli eventi i governi occidentali hanno puntato il dito verso Mosca, ma l’’intelligence russa dispone già di materiale che indica un’impronta occidentale nell’organizzazione e nell’esecuzione delle esplosioni nel sistema di gasdotti Nord Stream che corrono nelle profondità del Mar Baltico, ha dichiarato il capo dei servizi segreti esteri russo, Sergey Naryshkin.

“A mio parere, l’Occidente sta facendo di tutto per nascondere i veri esecutori e organizzatori di questo atto di terrorismo internazionale”, ha dichiarato l’alto funzionario e membro del Consiglio di sicurezza russo, secondo quanto riportato dall’agenzia Tass.

A sua volta, il Segretario del Consiglio di Sicurezza russo Nikolai Patrushev ha indicato che è il principale beneficiario degli attacchi terroristici contro questa importante rotta del gas naturale tra Russia e Unione Europea.

“Letteralmente fin dai primi minuti dopo la notizia delle esplosioni sui gasdotti Nord Stream 1 e Nord Stream 2, l’Occidente ha lanciato una campagna attiva per trovare i colpevoli. Tuttavia, è ovvio che il principale beneficiario, soprattutto dal punto di vista economico, sono gli Stati Uniti”, ha dichiarato Patrushev in occasione di una riunione a Mosca dei capi dei servizi segreti della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), un’organizzazione composta dalla maggior parte delle ex repubbliche sovietiche.

L’alto funzionario ed ex capo del Servizio di Sicurezza Federale (FSB) ha ricordato che una situazione simile si è verificata in Nicaragua nell’ottobre 1983, quando fu attaccato l’oleodotto sottomarino di Puerto Sandino, per il quale il leader sandinista Daniel Ortega incolpò “i commandos della CIA”.

“Appare necessario fare sforzi coordinati per smascherare i mandanti e gli esecutori di questo crimine, che sarebbe un buon esempio della nostra efficace cooperazione”, ha dichiarato Patrushev secondo quanto riportato da RIA Novosti.

La Russia ha avviato mercoledì un procedimento penale per terrorismo internazionale in seguito al danneggiamento del sistema di trasporto del gas naturale tra Russia e Germania.

Il presidente russo Vladimir Putin ha confermato giovedì che Mosca sta convocando una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla questione.

Angela Merkel: “Lavorare alla sicurezza paneuropea con la Russia”

Da quando ha lasciato il suo incarico di cancelliere della Germania, Angela Merkel, ha compiuto poche apparizioni pubbliche. Appena quattro. Questa settimana addirittura due, una alla nuova Fondazione Helmut Kohl e l’altra come relatrice alla “Cerimonia dei 1100 anni di Goslar”.

In questa occasione Angela Merkel ha pronunciato parole molto significative riferite alla situazione attuale che vede un’Unione Europea seguire ciecamente i dettami di Washington che spinge l’intero continente alla guerra con la Russia. 

«Dobbiamo lavorare a un’architettura di sicurezza paneuropea con la partecipazione della Russia nel quadro dei principi del diritto internazionale. Fino a quando non riusciremo a raggiungere questo obiettivo, come è emerso dall’amara constatazione del 24 febbraio, la guerra fredda non avrà fine», queste le parole dell’ex cancelliere. 

In questo intervento di Angela Merkel ravvisiamo un chiaro riferimento alla Germania di Scholz che invece di puntare al dialogo con la Russia si è fatta trascinare nel gorgo delle sanzioni e dello scontro con la Russia appositamente creato in quel di Washington. 

     LEGGI DI PASQUALE CICALESE: PIANO CONTRO MERCATO

VIDEO. Ingresso vietato agli ebrei in un negozio ucraino

Ingresso vietato ad ebrei in un negozio di un paese europeo. La notizia non fa il giro del mondo perché avviene in quell’Ucraina che, dal golpe del 2014, ha mostrato connotati chiaramente neo-nazisti.

Negato l’accesso ad un supermercato situato in una città al confine tra Ucraina e Polonia a centinaia di ebrei, che sono rimasti bloccati prima della celebrazione settimanale dello shabbat. Qui di seguito il video. 

 

Ecco, immaginate se una scena del genere provenisse dall’Iran. Sarebbe scattato subito il riferimento ai tempi dei divieti agli ebrei di entrare nei negozi all’epoca della Germania nazista. Ormai, non si tratta nemmeno di fare più riferimenti storici e richiami alla Memoria, i nazisti li abbiamo in Europa e armati dai paesi pseudo-democratici della NATO, guidati dagli USA.

Omicidio Mattia Caruso, tutte le bugie della fidanzata Valentina Boscaro

Tutte le bugie della fidanzata di Mattia Valentina Boscaro e il racconto dell’amico: “Una volta lei lo ha ferito con delle forbici ai testicoli”

Leggi tutto Omicidio Mattia Caruso, tutte le bugie della fidanzata Valentina Boscaro su Notizie.it.

___________

“Omicidio Mattia Caruso, tutte le bugie della fidanzata Valentina Boscaro” è stato scritto da Giampiero Casoni e pubblicato su Notizie.it.

L’Internazionale di Giorgia Meloni che sarà anti-salviniana

Perché l’Internazionale di Giorgia Meloni sarà anti-salviniana e come mai il Carroccio ha deciso di stare sulla linea dell’ortodossia anti europeista

Leggi tutto L’Internazionale di Giorgia Meloni che sarà anti-salviniana su Notizie.it.

___________

“L’Internazionale di Giorgia Meloni che sarà anti-salviniana” è stato scritto da Giampiero Casoni e pubblicato su Notizie.it.

Massimo Galli contro Gemmato: “Vaccino solo agli anziani? Una scempiaggine”

Massimo Galli e la “scempiaggine” del vaccino anti Covid solo per gli anziani: Gemmato propone anche “mai più Green pass e basta obbligo per i medici”

Leggi tutto Massimo Galli contro Gemmato: “Vaccino solo agli anziani? Una scempiaggine” su Notizie.it.

___________

“Massimo Galli contro Gemmato: “Vaccino solo agli anziani? Una scempiaggine”” è stato scritto da Giampiero Casoni e pubblicato su Notizie.it.

Alluvione Marche, continuano le ricerche di Brunella Chiù: ritrovata la sua borsa

Nel pomeriggio di venerdì 30 settembre è stato ritrovata la borsa di Brunella Chiù. Le ricerche della donna intanto proseguono.

Leggi tutto Alluvione Marche, continuano le ricerche di Brunella Chiù: ritrovata la sua borsa su Notizie.it.

___________

“Alluvione Marche, continuano le ricerche di Brunella Chiù: ritrovata la sua borsa” è stato scritto da Valentina Mericio e pubblicato su Notizie.it.