Crea sito

Russia: i comunisti propongono nazionalizzazioni per rilanciare l’economia

da RT
 

I comunisti propongono la confisca dei beni per stimolare l’economia russa

 

Un gruppo di parlamentari del Partito Comunista spinge per le nazionalizzazioni nel tentativo di rilanciare l’economia russa e rafforzare la sicurezza nazionale.

 

In una bozza di documento inviata alla Duma di Stato e pubblicata mercoledì sul sito web del parlamento russo, il gruppo descrive la nazionalizzazione come una confisca forzata ma compensata della proprietà privata. Dice che trasformare i beni in proprietà dello Stato federale aiuterebbe a soddisfare le esigenze pubbliche, aumentare l’efficacia generale e l’orientamento sociale dell’economia nazionale e rafforzare la sicurezza e la sovranità nazionale della Russia.

 

L’elenco delle attività soggette a nazionalizzazione comprende terreni, giacimenti minerari, foreste, corpi idrici naturali e imprese in settori strategicamente importanti dell’economia, quali energia, trasporti e industria pesante.

 

Altri motivi per la nazionalizzazione forzata includono la minaccia di licenziamenti di personale di massa in aziende che controllano parti importanti dell’economia in una città o in una regione, il fallimento di un’impresa strategicamente importante, la posizione di monopolio di un’impresa, le violazioni commesse durante la privatizzazione e la potenziale minaccia di imprese strategicamente importanti che rientrano nel controllo straniero.

 

Il disegno di legge indica che la nazionalizzazione si applicherebbe a qualsiasi forma di proprietà privata, incluse le azioni di varie società.

 

Allo stesso tempo, i promotori della mozione riconoscono che la nazionalizzazione è una misura estrema che dovrebbe essere applicata solo a condizione di un equo compenso agli ex proprietari. Sottolineano che la nazionalizzazione della proprietà non dovrebbe diventare una forma di punizione, o anche un modo per costringere gli uomini d’affari a soddisfare determinati obblighi.

 

La nazionalizzazione è sempre stata una questione chiave nel programma politico del Partito Comunista della Federazione Russa. È stata anche una pietra miliare del piano anti-crisi presentato dal leader del partito Gennady Zyuganov nel 2016 come piattaforma per le elezioni parlamentari. Allora, Zyuganov ha affermato che la privatizzazione era assolutamente essenziale per aumentare le entrate di bilancio e prevenire il deflusso di valuta forte dal paese.

 

Il programma presidenziale del candidato del Partito comunista Pavel Grudinin elenca anche la privatizzazione delle grandi imprese come condizione chiave per la prosperità futura. «La nostra priorità sarà la prosperità della popolazione… faremo sì che le ricchezze della Russia, le sue risorse naturali, industriali e finanziarie siano poste al servizio del popolo; nazionalizzeremo le industrie strategicamente importanti e sistemiche, il settore energetico, le ferrovie, i sistemi di comunicazione e le maggiori banche», si legge nel documento.

 

(Traduzione dall’inglese per l’AntiDiplomatico di Fabrizio Verde)

LIVE OFFLINE
track image
Loading...